Nomfup

Only connect

Posts Tagged ‘poster

Change Forward

leave a comment »

Il poster ufficiale della campagna di Obama.

 

Written by nomfup

settembre 20, 2012 at 1:28 PM

Pubblicato su USA

Tagged with , ,

Keep Calm

with one comment

Written by nomfup

marzo 5, 2012 at 9:27 am

Pubblicato su UK

Tagged with , , ,

Piccolo spazio pubblicità

leave a comment »

Chicchiricchi

Written by nomfup

ottobre 25, 2011 at 4:33 PM

Pubblicato su Mondo

Tagged with , ,

Ai poster

with one comment

Exit Paul

Come trasformare un mezzo disastro comunicativo, come quello del manifesto su Steve Jobs di Sinistra Ecologia Libertà sconfessato da Nichi Vendola, in un successo online. Vuoi vedere che i geniali manifesti virali di Quink, e tutto l’adbusting fai da te che sta imperversando sui social network, finiranno per redimere l’inciampo iniziale? (h/t: Massimiliano Di Giorgio e Stefano Ragugini)

Written by nomfup

ottobre 12, 2011 at 5:26 PM

Pen at Work

with one comment

Esempio

Si intitola Art Works ed è l’ultima trovata della campagna di Barack Obama per mettere insieme crowdsourcing e politica. Ad esempio, chiedendo ai militanti di disegnare poster e cartoline per illustrare il piano occupazionale del Presidente.

Secondo esempio

Un concorso online – si accettano suggerimenti fino al 4 novembre, poi chi vincerà si vedrà il proprio poster entrare a far parte del materiale da campagna di Obama. Hai visto mai che spunti un nuovo Shepard Fairey?

Written by nomfup

ottobre 11, 2011 at 1:05 am

Pubblicato su USA

Tagged with , , ,

Winternazionale

leave a comment »

Written by nomfup

gennaio 26, 2011 at 12:48 am

Pubblicato su Mondo

Tagged with

Sbigottiti

leave a comment »

A tutto tarocco in questa volata finale delle elezioni britanniche. Tocca al nuovo poster del Labour …

Gilliam Duffy, un'ossessione per Brown

… e anche al falso dietro le quinte della gaffe del premier …

… messo in rete dagli stessi che avevano avuto questo colpo di genio:

Written by nomfup

aprile 30, 2010 at 4:55 PM

Off the Wall

leave a comment »

Il Guardian ha chiesto a un pugno di artisti, disegnatori ed illustratori di ridisegnare i manifesti elettorali inglesi.

Tripartisan

Alcuni intelligenti, altri banalotti, altri ancora al vetriolo, come quello di Gerald Scarfe, il disegnatore di The Wall:

L'odore della politica

Poi c’è questo, geniale, di Alison Jackson.

Nick e Mandy

Written by nomfup

aprile 27, 2010 at 9:40 am

Retro Spin

leave a comment »

I manifesti continuano ad animare la campagna elettorale britannica. I fratelli Miliband hanno presentato oggi il nuovo poster laburista con David Cameron nei panni dell’investigatore di una serie degli anni ’80 e subito fioccano le polemiche.

“Avete fatto un autogol, il personaggio tv è amato e di culto”, sottolineano dal campo conservatore. Ma Ed e David tengono botta.

I tories comunque hanno subito risposto con un poster che tarocca quello del Labour.

Scalda i motori, Samantha

E sulla rete conservatrice già impazzano le parodie.

Hippy Gordon

Written by nomfup

aprile 3, 2010 at 3:57 PM

Saatchi vs Saatchi

leave a comment »

Il derby dei poster tra i “reds” laburisti e i “blues” di David Cameron sta infuocando la campagna elettorale britannica.

Poster fai-da-te

I conservatori richiamano i fratelli Saatchi, Maurice e Charles, a intostare i loro manifesti, dopo il fiasco dei faccioni col leader sbertucciati in rete? E il Labour rende la pariglia, affidando alla Saatchi & Saatchi – il colosso pubblicitario, fondato dai due fratelli, ma oggi in mano al gruppo francese Publicis – una nuova campagna “partecipativa” che invita direttamente gli elettori a creare i poster anti-Cameron.

Tory Gordon

A differenza dei conservatori – che sono legati alla Euro RSCG, ma hanno richiamato dopo diversi anni la M&C Saatchi a un delicato crisis management – i laburisti rivendicano la loro fedeltà alla Saatchi & Saatchi per trasmettere il messaggio “loro sono nel panico, mentre noi andiamo avanti tranquilli colla nostra strategia”.

Il marchio di fabbrica dei fratelli Saatchi

Sarà, poi, vero? Il negative campaign, come quello dell’ultima serie di manifesti conservatori che sbeffeggiano Gordon Brown, in genere funziona. Tanto che qualcuno legge la scelta Labour del crowdsourcing attraverso la rete come un modo elegante per bypassare la loro agenzia pubblicitaria e puntare, invece, sulla creatività delle masse.

My David Cameron

Saatchi contro Saatchi, insomma. Il premier sui manifesti dei tories, Cameron ritoccato, invece, su quelli online dei laburisti. Che derby avvelenato.

Written by nomfup

marzo 29, 2010 at 1:32 PM