Nomfup

Only connect

Posts Tagged ‘Jim Messina

Messina spin doctor di Cameron?

leave a comment »

Ora, questo è quello che si può chiamare un seachange: se davvero, come dice la BBC, Jim Messina sarebbe stato arruolato dai conservatori britannici per bilanciare Lynton Crosby sul fronte del mix tra organizzazione e social media, in vista della battaglia elettorale con il Labour, questa sarebbe forse una prima volta. Che uno stretto collaboratore di un presidente democratico, uno strategist con una chiara appartenenza politica (oggi a capo di Organizing for Action, il braccio politico del Presidente), finisca a dare una mano all’altra parte, ai tories di David Cameron. Mossa che spiazza, che in teoria dovrebbe far uscire i conservatori dalla difensiva su cui sono costretti dalle polemiche sul conflitto di interessi di Crosby e che farà venire qualche mal di capo al Labour. Con effetti paradossali: come quello che Messina si troverebbe a duellare sulla strategia social con uno dei suoi sottoposti, Matthew McGregor, ex-responsabile della risposta rapida per Obama, e adesso reclutato da Ed Miliband (oltre che da Kevin Rudd per la campagna elettorale blitz in Australia).

Annunci

Written by nomfup

agosto 2, 2013 at 5:09 pm

Pubblicato su UK, USA

Tagged with , ,

Messina Group

with 2 comments

Arriva anche il Messina Group a chiudere il cerchio dei collaboratori del Presidente americano a offrire consulenza. Timing non il massimo, visto lo scandalo sui metadata. Ma uno tosto come Jim non tiene mai paura.

Written by nomfup

giugno 8, 2013 at 11:09 am

Pubblicato su USA

Tagged with , ,

Il partito del Presidente

leave a comment »

Comandante in Capo

Dimenticatevi di Obama for America, il braccio elettorale che ha portato alla rielezione del presidente democratico. D’ora in poi, come ha rivelato il Los Angeles Times, si chiamerà Organizing for Action (stesso acronimo, OfA) e sarà quella che in gergo tecnico viene denominata una 501(c)4, una associazione non-profit a scopi sociali che presenta i vantaggi fiscali di non avere l’obbligo di rendere noti i finanziatori e di poter raccogliere fondi senza un tetto fissato.

Già nel 2008, la campagna elettorale si era tramutata in un veicolo solo parzialmente autonomo, Organizing for America, vissuto come un doppione dall’establishment del Partito democratico americano e prematuramente pensionato per evitare polemiche.

Oggi in Organizing for Action sono coinvolti tutti i protagonisti principali della campagna di Obama, da Jim Messina (che lo guiderà) al suo ex-portavoce Robert Gibbs, dalle sue strette collaboratrici Stephanie Cutter, Jennifer O’Malley Dillon e Julianna Smoot a Jon Carson, fino a poche ore fa all’ufficio per l’impegno comunitario della Casa Bianca e oggi in predicato di diventare il direttore esecutivo di OfA (ma ci saranno anche Erik Smith, un top fundraiser democratico come Frank White e, naturalmente, David Plouffe).

Il suo tesoretto sarà costituito dalla formidabile capacità di raccolta soldi espressa dalla campagna di Obama, dalla prossimità con il Presidente in carica, dai Big Data, l’immenso tesoro digitale di indirizzi e mail su cui è stata costruita la vittoria dello scorso novembre. Quasi un partito nel partito che potrà rivelarsi decisivo nelle corse per il mid-term e che, probabilmente, sarà l’embrione della futura presenza – politica? – di Obama nella vita pubblica a stelle e strisce. (h/t: Gianluca Di Tommaso)

Written by nomfup

gennaio 19, 2013 at 11:37 am

Inauguration Day

leave a comment »

Eva Longoria sarà uno dei quattro co-presidenti della Inauguration del Presidente Obama il prossimo 21 gennaio.

Già assegnati, nel grande giorno della nuova Casa Bianca, una serie di altri ruoli ai fedelissimi della campagna elettorale: Jim Messina sarà presidente della parata inaugurale , la portavoce Stephanie Cutter presiderà il Board of Directors, Jen O’Malley Dillon il National Day of Service, Julianna Smoot ai balli e ai ricevimenti, Rufus Gifford tesoriere e Patrick Gaspard il National Mall.

Written by nomfup

dicembre 8, 2012 at 4:21 pm

When in Rome

with 2 comments

A Milano, Roma e Firenze, per la precisione. Dove arrivano questa settimana due protagonisti della campagna di Barack Obama. Il capo della campagna, Jim Messina, che aveva annunciato a Politico una vacanza in Italia per assaggiare del buon vino rosso, sarà a Firenze, a Villa La Pietra, per una chiacchierata di un’oretta e mezzo con gli studenti. Modera John Calvelli (Wildlife Conservation Society), previsto un botta e risposta con il pubblico, segue ricevimento.

Ma in Italia passa anche Michael Slaby, Chief Integration and Innovation Officer della campagna di Obama: oggi e domani è a Milano. Questo pomeriggio alle 15.30 alla Sala di Rappresentanza del Rettorato dell’Università di Milano (via Festa del Perdono 7) su invito del Consolato generale degli Stati Uniti di Milano e di Voices from the Blogs. Lavori aperti da Kyle Scott, Console Generale degli Stati Uniti, e Stefano Iacus e Luigi Curini. Partecipano al dibattito Beppe Severgnini del Corriere della Sera e Marcello Foa di TImedia. Modera il sociologo Mauro Barisione.

Domani, invece, Slaby sarà al Polo di Sesto San Giovanni, intervistato dagli studenti del master in giornalismo dell’università (ci sarà anche Andrea Riscassi). L’incontro si potrà seguire in streaming sul Portale video d’Ateneo e sul sito de “La Sestina”, la testata del master in giornalismo. La sera, invece, il collaboratore di Obama sarà a Roma dalle 19 alle 20 al corso organizzato da Running, in occasione della XXIV edizione “Communication, Lobby and Politics”.

Mercoledì 5, appuntamento alla Camera dei deputati, voluto dalla Associazione Amerigo, per una conferenza su “Communication, Social Media Strategies and Elections” (con Roberto Rao, Francesco Boccia e Maurizio Lupi, modera Gianni Riotta) e venerdì, infine all’Università di Bologna per un seminario a Villa Guastavillani. Un calendario ricchissimo, messo a punto dalla Ambasciata americana in Italia.

Written by nomfup

dicembre 3, 2012 at 10:44 am

Pubblicato su Europa, Italia, USA

Tagged with ,

Il decalogo di Messina

leave a comment »

Le dieci cose imparate da questa campagna elettorale. Parola di Jim Messina, campaign manager ed architetto della rielezione di Barack Obama, in una conversazione con quelli di Politico.

Written by nomfup

novembre 21, 2012 at 10:08 am

Pubblicato su USA

Tagged with , , ,

Via l’abbraccio

with one comment

Big Jim

Ricordate questa foto? L’abbraccio tra Barack Obama e Jim Messina, dopo la notte elettorale. Era sul sito della Casa Bianca. Ora non più.

Written by nomfup

novembre 9, 2012 at 7:52 am

Pubblicato su USA

Tagged with , , , ,