Nomfup

Only connect

Posts Tagged ‘Ed Balls

Great Balls of Fire

leave a comment »

Il Cancelliere ombra ci si applica, al piano.

Annunci

Written by nomfup

dicembre 18, 2013 at 12:09 pm

Pubblicato su UK

Tagged with

New Labour, new Mandelson

leave a comment »

Il ritorno in campo di Peter Mandelson: molta Europa, vista la minaccia scettica dell’Ukip, ma anche un pizzico di Labour. Con parole più fiduciose nei confronti di Ed Miliband, come se il Lord fosse pronto a dare di nuovo qualche consiglio al leader laburista. Sempre a patto che il Labour ritorni allo spirito di quello New che Mandelson contribuì a costruire a metà degli anni ’90.

Written by nomfup

maggio 20, 2013 at 7:50 am

Welfare to work

leave a comment »

Potrebbe essere tattica parlamentare o semplice posizionamento politico, ma il Labour sta puntando molto sulle sue posizioni sul welfare. Per bocca di Ed Balls e del blairiano Liam Byrne è stata lanciata una stretta sui sussidi di disoccupazione, da sempre punta di lancia dei laburisti. “I disoccupati devono lavorare ed addestrarsi, non stare lì a lamentarsi”, ha detto Byrne, annunciando le proposte del Labour sui disoccupati da due anni almeno e di età superiore ai 25 anni. I quali saranno obbligati a lavorare per sei mesi su indicazione del governo pena il rischio di perdere i sussidi.

Una posizione che sta facendo molto discutere e che i conservatori ritengono solo tattica, visto che il partito di Ed Miliband ha già annunciato la sua opposizione ai tagli al welfare annunciati dal governo della coalizione per ridurre il deficit. Troppo morbidi sul welfare, insomma, per i tories. Il contropiede laburista, però, è stato lanciato, e potrebbe avere ripercussioni profonde, non solo in Inghilterra.

Written by nomfup

gennaio 5, 2013 at 12:45 pm

Il piano segreto di Ed Balls

leave a comment »

No, dai, sul serio.

Written by nomfup

ottobre 3, 2012 at 11:36 am

Pubblicato su UK

Tagged with , , , ,

Quanto ci mancava

with one comment

Il PMQ. Anche con la brillantina di Cameron e Osborne, il sorriso incredibile di Miliband, il grugno di Balls, il ghigno di Osborne quando Ed gli tira fuori i fischi alle Paralimpiadi.

Written by nomfup

settembre 5, 2012 at 10:19 pm

Eddaje

with one comment

Dopo una fine d’anno horribilis, Ed Miliband prova a rimettere fuori il capino con una intervista al Guardian (comfort zone). Prima gli era successo di tutto, dalle critiche dei giornali alla sconfessione del suo guru di riferimento, fino a un paio di problemi con Twitter: il primo di Diane Abbott, accusata di avere twittato una cosetta “razzista” (qui sopra il video di quando una intervista di Abbott viene interrotta dalla telefonata iraconda di Miliband per lo scandalo), il secondo proprio di Ed, che ha sbagliato un tweet ed è finito dritto sulla prima pagina del Sun.

Written by nomfup

gennaio 7, 2012 at 12:01 pm

Mili Band

with one comment

Allacciate le cinture

A pochi giorni dal congresso, Ed Miliband fa qualche passo avanti in direzione del ricambio generazionale che la conference di Liverpool aveva a malapena accennato, con un rimpasto lampo del suo governo ombra. Via un po’ a sorpresa due pezzi grossi come John Denham (un brownite da sempre vicino a Ed, non si ricandiderà alla prossima tornata elettorale) e John Healey, dentro molti volti nuovi entrati in Parlamento appena un anno fa. Come l’Obama britannico Chuka Umunna che diventa ombra per business e innovazione o Rachel Reeves che è stata nominata shadow del segretario generale del Tesoro. La scelta più delicata riguarda il rientro in campo di Stephen Twigg che dovrà vedersela con il conservatore Michael Gove sulla scuola: terreno su cui sarà interessante capire quale direzione prenderà il partito, se verso una difesa a spada tratta dell’attuale sistema o più aperto alle innovazioni di ascendenza scandinava che il governo Cameron corteggia ormai da mesi. Undici le donne su ventisette posti, intatti i posti chiave per Ed Balls, Yvette Cooper e Douglas Alexander, rientra in pista Caroline Flint all’energia e gloria per Tom Watson che, grazie alla sua battaglia contro l’impero di Rupert Murdoch, si guadagna i galloni di responsabile delle campagne elettorali del Labour. Che, a questo punto, comincia a somigliare un po’ di più al suo leader. (foto tratta da Zimbio)